IKEA PS 2012 ciotola Design Marcus Arvonen

MY PERSONAL BRANDING.
A scuola dai grandi brand: IKEA

È possibile ispirarsi ai grandi brand per trovare strategie utili da applicare ai nostri piccoli business? Sono convinta di sì: con un po’ di attenzione e creatività troveremo soluzioni nuove e interessanti, guardando alle realtà di successo.

LEZIONE 4: Ikea.

L’Ikea la conosciamo tutti: fa parte delle nostre vite dagli anni Novanta, tanto che è difficile immaginarsi come facessero prima gli studenti fuori sede e le giovani coppie ad arredare casa senza svenarsi. Nata nel 1958 in Svezia oggi l’IKEA è un colosso globale, ma questo non vuol dire che non possa essere d’ispirazione anche per i piccoli business. Ecco cosa copiare da questo brand:

1. Il do it yourself: è la cifra caratteristica di Ikea, amata e odiata in ugual misura. I mobili che compri te li monti tu: questo abbatte i costi e facilita i trasporti. Cosa puoi copiare? Intanto, la capacità di distinguerti dalla concorrenza: come puoi fare le cose in modo diverso, nel tuo settore? E poi rendendo i tuoi clienti co-creatori delle tue offerte: attraverso tutorial, personalizzazioni, la possibilità di scegliere tempi e modi di fruizione, l’interattività. Rendi la loro esperienza meno passiva e ti saranno grati per aver dato loro una maggiore autonomia.

2. Il catalogo: attesissimo, ogni anno, da uno stuolo di appassionati. Il catalogo Ikea funziona perché non vende mobili, ma uno stile di vita. Ti fa vedere ambienti, persone, modi di stare insieme. Ed è di quelli che ti innamori. Cosa puoi copiare? Rendi più emozionali le tue offerte: le persone non desiderano delle “cose”, ma come quelle cose le faranno sentire. Lavora su questo, attraverso testimonianze, ambientazioni, esperienze dirette.

3. Adattabilità: molti mobili Ikea sono componibili, esistono in vari colori e altezze, e questo permette loro di adattarsi a tante case diverse in giro per il mondo. Cosa puoi copiare: rendi anche tu le tue offerte flessibili: adattale alle esigenze dei tuoi clienti, prevedi delle varianti, lavora sulla personalizzazione. Non è il cliente che deve adattarsi alla tua offerta, ma viceversa.

4. Valori: Ikea i suoi li dichiara apertamente, dal rispetto per l’ambiente nella scelta dei legni rinnovabili alle tante famiglie non tradizionali che mette nei suoi cataloghi e nelle sue pubblicità. Sta dicendo: crediamo in questi valori. Cosa puoi copiare: esponiti anche tu. Crea un bel manifesto dei tuoi valori e pubblicalo sul sito. Attirerai i clienti in sintonia con il tuo modo di vedere le cose.

5. Al passo con i tempi: I mobili Ikea nel tempo si sono adattati ai computer, ai cellulari, a uno stile di vita sempre più connesso, a bambini che vivono in due case… Non si torna indietro, ma si può trovare un modo più confortevole di stare nell’oggi. Cosa puoi copiare: più conosci lo stile di vita dei tuoi clienti, più ti è facile modulare le offerte in modo da semplificarne la fruizione. Usano più il laptop o il cellulare? Quando hanno più tempo libero? Come si spostano?

6. Collaborazioni: da qualche anno IKEA crea delle collezioni più piccole in collaborazione con designer di talento, anche poco conosciuti. È un modo per creare offerte più interessanti e innovative, in serie limitata. Cosa puoi copiare: collabora con persone che ammiri anche fuori dalla tua area business, con offerte speciali a tempo o in numero ridotto.

Sono abbastanza sicura che se ti guardi intorno, in casa tua, 2/3 mobili o complementi dell’IKEA saltano fuori. Come ti ha convinto all’acquisto? Su quale dei sei punti precedenti ha fatto leva? Oppure, secondo te, ne esistono altri?
Raccontamelo qui.

E se vuoi ripassare le lezioni dei mesi precedenti, leggi qui!

Cover: Ikea by Grazia

Gioia Gottini

Gioia Gottini

Mi definisco "coltivatrice di successi" perché aiuto le donne a focalizzare i loro talenti, mettersi in proprio e farlo con profitto. I miei strumenti: in primis il Personal Branding (su cui ho scritto anche un libro, "Tutto fa branding") e poi il marketing, la comunicazione on line, il planning e lo studio di fattibilità di un business. Ho un blog molto seguito, in cui parlo di queste tematiche, e anche un canale youtube ("I Mercoledì della Mansardina"). Ho fondato a Torino una "Rete al Femminile" rivolta a donne imprenditrici, freelance, libere professioniste, ora diffusa in tutta Italia. Quando non parlo o scrivo di business amo collezionare candele e provare tutti i tè e le tisane che trovo.
E questo è il mio sito: gioiagottini.com.
Gioia Gottini

Comments are closed.