Emozionale per la rubrica Parole al vento di Enrico Settimi

PAROLE AL VENTO.
Emozionale

Lo spazio dell’aggettivo emozionale è un pertugio stretto tra emozionante ed emotivo e in qualche modo – se potessimo stabilire che ne è il punto di intersezione – si allargherebbe fino a diventare utilizzabile senza imbarazzo. Emozionante riguarda normalmente un oggetto di esperienza, emotivo attiene più strettamente alla sfera del soggetto.

Al netto di alcuni utilizzi specialistici in psicologia e psicopatologia, ce ne occupiamo perché è entrato nell’uso tramite il gergo pubblicitario e soprattutto della comunicazione interna delle grandi aziende, cioè, in un certo senso, il punto metafisico in cui l’ideologia del marketing si invera, cercando di vendersi a se stessa.
Emozionale è qualcosa che dovrebbe essere emozionante, cioè colpire corde emotive, e su questa definizione sono tutti d’accordo. Ad esempio si usa per il video di apertura di una convention aziendale, momenti scenografici associati al discorso di un Ad… Allora perché non usare direttamente emozionante?

Io credo ci sia da un lato una sorta di pudore o di autocensura: persino chi si sente investito dalla missione di motivare i propri colleghi, riserva l’aggettivo originale per – minimo – un concerto che gli dicono sia emozionante. In fondo che i ricavi si alzino è già percepito come un fatto positivo, e che si abbassino come un fatto negativo, con relativo apparato emotivo di rabbia, delusione o aspettative di un aumento.
In secondo luogo – e mi pare l’aspetto più interessante – emozionale viene usato per una presa di distanza da ciò che dovrebbe essere emozionante: emozionante è un aggettivo che si applica a oggetti esterni al soggetto, ma in ogni caso lo chiamano in gioco strettamente, necessariamente. Emozionale è un aggettivo che nel suo retrogusto sembra prevenire questa sorta di transito riflessivo sul soggetto: è l’oggetto a essere emozionale, la caratteristica non riguarda le emozioni di chi lo definisce. Così come emotivo indica un ambito in cui il soggetto è in primo piano. E anche questo sembra sconveniente: in fin dei conti se si ammettesse che con una comunicazione emozionale si vuole interferire con le emozioni, si aprirebbe insidioso il dubbio che le scelte razionali facciano acqua in quell’azienda o in quel settore.

E allora, tutti d’accordo: la convention dei venditori si apre con un video emozionale, a cui chi lo commissiona non crede e da cui chi ne fruisce non è toccato. È come se la produzione di valore economico, nella sua intrinseca pretesa di onnicomprensività, non accettasse che le emozioni restassero fuori dal tempio in cui si autocelebra. Così emozionale è una parola che nega qualunque transito emotivo: «dovremmo emozionarvi, vi dice l’oggetto comunicativo emozionale, ma non abbiamo i mezzi per farlo, e comunque tanto voi non vi fate fregare. Ma per favore state al gioco».

Cover powered by Bake Agency

Enrico Settimi

Enrico Settimi

45 anni, è nato ad Ancona e vive tra Roma e Torino, è sposato e ha due figli. È laureato in filosofia, anche se non ha ancora ben chiaro su cosa ha fatto la tesi. Sa scrivere e raccontare storie (in vari sensi) ed è grazie a queste qualità che si guadagna da vivere. Di mestiere fa il copywriter.
È coautore della sceneggiatura del film “Acqua di Marzo” di Ciro de Caro (è stato presentato con discutibile fortuna alla sagra del cinema di Roma). Ha collaborato come autore e regista al documentario “L’Italia dei Longobardi”, prodotto da Archeoframe, il laboratorio di comunicazione dei beni archeologici della IULM di Milano.
Ha scritto il testo per l’istallazione su Costantino in occasione dei 1700 anni dall’editto di Milano.
Tra i suoi documentari (per Fox, Istituto Luce, Rai, Mediaset), “La lambretta – ascesa e caduta di un miracolo italiano” “Seveso la tragedia del silenzio” prodotto da Wilder per Rai. È stato consulente Fox per la localizzazione in Italia di prodotti documentaristici americani presso History Channel.
Per Studio Universal ha ideato e realizzato numerosi prodotti televisivi, tra cui la produzione “Hollywood al D-Day” featuring “Il D-Day di John Ford”. In precedenza, tra le altre attività si è occupato delle ricerche per la realizzazione dell’archivio storico audiovisivo della sede RAI di Gerusalemme. E’ stato cronista per Radio Città Futura, Radio Popolare, autore di documentari storici radiofonici (“Cile 1998, l’oblio della democrazia”).
Enrico Settimi

Latest posts by Enrico Settimi (see all)

Comments are closed.