PAROLE-AL-VENTO_indignazione

PAROLE AL VENTO.
Indignazione

Ci sono gli Indignados spagnoli. Che più o meno sono degli indignati. Da noi la palma dell’indignazione spetta con diverse incollature di distacco dai secondi al Movimento 5 Stelle.
E poi ci sono i vari populismi di destra che se ne alimentano con una certa voracità.
Alla base, mi pare, ci sia uno scollamento nell’esserci, nel Dasein, in termini Heideggeriani, cioè quella condizione umana in cui si è nel tempo e nella condizione in cui si è. Senza residuo e senza avere opportunità ulteriori nell’accostarsi ai temi fondamentali della metafisica e dunque provare a capire qualcosa di chi si è, dove si va e perché lo si sta facendo.

Di fatto né tra chi si indigna, né tra chi è oggetto di indignazione, nessuno assume su di sé la fatica del concetto. Gli indignati predicano una primigenia purezza, come se si potesse prescindere dalle condizioni generali di una civiltà nel governarla…
“Prova te a governartela, l’Italia o l’Unione Europea”, de ‘sti tempi, chioserebbe il maestro di vita inventato da Gabriele Salvatores in Mediterraneo, il sergente Nicola Lo Russo che un po’ indignato, già nel 1942, lo era già.
“Che cos’è questo conflitto dentro l’essere?” – tromboneggia un altro personaggio cinematografico, negli interminabili sproloqui heideggeriani anch’ essi, de La sottile Linea Rossa di Malick.

Credo che l’indignazione sia un errore di prospettiva. Viviamo in un’ epoca in cui l’informazione, fattasi anch’essa merce, non cessa di intrattenerci in un flusso continuo. Lo scopo di questo intrattenimento, mascherato da cosa seria, è darci delle emozioni da poco. Per dirla con l’indimenticabile Anna Oxa che, forse inconsapevolmente, nel testo fossatiano citava Cheap Thrills di Janis Joplin.

L’emozione da poco che il flusso ininterrotto di news riesce a darci è proprio l’indignazione, che ha dietro la paura e che precede di poco la rassegnazione.
Ma anche per chi è oggetto di indignazione, la situazione non è migliore. La generazione dei baby-boomer sta invecchiando e presto morirà: ha saldamente nelle proprie mani il potere economico e politico. È la prima generazione di convinti individualisti senza residuo, che probabilmente sente la fine vicina. E questo sì, li fa indignare. Lo sostiene Adam Curtis, uno dei migliori filmmaker inglesi. Insieme ad altre tesi molto interessanti sul flusso di informazione che ci rende idioti.

Questo per dire che viviamo immersi in un flusso che non fa mai analisi e cultura, che non costruisce, che ci lascia esausti e paghi come un’emozione da poco. Non ci sono più costruzioni che ci diano un senso. A questo siamo rassegnati.
Esibire la propria disillusione è l’unico atteggiamento premiante sui social network, specchio inerte dell’epoca, più che motore di ricerca di un senso qualunque. Ma non possiamo perdonare ai nostri governanti di essere nella nostra stessa condizione. E allora non ci resta che indignarci, al caldo della nostra illusione di non essere parte della medesima assenza di senso.
Gaber insieme a Luporini indicava una via. La canzone, splendida, si chiamava “E tu mi vieni a dire”. Ma sono passati tanti anni.

Cover powered by Bake Agency

Enrico Settimi

Enrico Settimi

45 anni, è nato ad Ancona e vive tra Roma e Torino, è sposato e ha due figli. È laureato in filosofia, anche se non ha ancora ben chiaro su cosa ha fatto la tesi. Sa scrivere e raccontare storie (in vari sensi) ed è grazie a queste qualità che si guadagna da vivere. Di mestiere fa il copywriter.
È coautore della sceneggiatura del film “Acqua di Marzo” di Ciro de Caro (è stato presentato con discutibile fortuna alla sagra del cinema di Roma). Ha collaborato come autore e regista al documentario “L’Italia dei Longobardi”, prodotto da Archeoframe, il laboratorio di comunicazione dei beni archeologici della IULM di Milano.
Ha scritto il testo per l’istallazione su Costantino in occasione dei 1700 anni dall’editto di Milano.
Tra i suoi documentari (per Fox, Istituto Luce, Rai, Mediaset), “La lambretta – ascesa e caduta di un miracolo italiano” “Seveso la tragedia del silenzio” prodotto da Wilder per Rai. È stato consulente Fox per la localizzazione in Italia di prodotti documentaristici americani presso History Channel.
Per Studio Universal ha ideato e realizzato numerosi prodotti televisivi, tra cui la produzione “Hollywood al D-Day” featuring “Il D-Day di John Ford”. In precedenza, tra le altre attività si è occupato delle ricerche per la realizzazione dell’archivio storico audiovisivo della sede RAI di Gerusalemme. E’ stato cronista per Radio Città Futura, Radio Popolare, autore di documentari storici radiofonici (“Cile 1998, l’oblio della democrazia”).
Enrico Settimi

Latest posts by Enrico Settimi (see all)

Comments are closed.